Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
 

Previdenza, assistenza

Assicurazione e lavoro

Circolari, Messaggi, articoli e Normativa



Sgravio contributivo per contratti collettivi aziendali prevedenti conciliazione tra vita professionale e vita privata.

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

L’Inps, con circolare n. 91 del 3 agosto 2018
, illustra le modalità di attribuzione, a valere sulle risorse finanziarie per l’anno 2018, dello sgravio contributivo previsto dal decreto interministeriale 12 settembre 2017, a favore di datori di lavoro che hanno stipulato contratti collettivi aziendali contenenti misure volte a favorire la conciliazione tra la vita lavorativa e la vita privata dei lavoratori; tuttavia il predetto sgravio, in questa fase, spetta con riferimento ai contratti aziendali stipulati dal 1° novembre 2017 al 31 agosto 2018 e richiederà ai datori di lavoro di inoltrare una prenotazione in via telematica all’Inps entro il 15 settembre 2018. 

Sulla retribuzione in contanti la sanzione è commisurata alle mensilità pagate violando il divieto

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

L’Ispettorato nazionale del Lavoro, con la nota 4.7.2018 n. 5828, ritorna sulla questione del divieto di retribuire i lavoratori in contanti dallo scorso 1° luglio, per precisare che la sanzione da 1.000 a 5.000 euro deve essere calcolata tenendo conto del numero delle mensilità pagate violando la disposizione contenuta nell’art. 1, c. 910 della L. 205/2017.

Ispettorato nazionale del Lavoro - Nota 4.7.2018, n. 5828

Rimborsi spese ai lavoratori pagabili in contanti

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

Nel mese di entrata in vigore del nuovo obbligo di tracciabilità delle retribuzioni e compensi corrisposti ai lavoratori, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro fornisce ulteriori chiarimenti in materia rispondendo ad un quesito posto da Confindustria. Per le somme erogate a diverso titolo, quali anticipi di cassa effettuati per spese che i lavoratori devono sostenere nell’interesse dell’azienda e nell’esecuzione della prestazione (es. rimborso spese viaggio, vitto, alloggio) non vige alcun obbligo di versamento con le modalità indicate dal comma 910 dell’articolo 1 della legge 27 dicembre 2017 n. 205 – Legge di Bilancio 2018. Il divieto di pagamento in contanti, operativo dal 1° luglio 2018, riguarda, infatti, esclusivamente gli elementi della retribuzione. Questa in sintesi la risposta fornita dall’INL, lo scorso 16 luglio, con la nota n. 6201.
 
Ispettorato nazionale del lavoro - Nota 16 luglio 2018, n. 6201

 

Dove Operiamo

  • Toscana
  • Lazio
  • Emilia Romagna
  • Veneto
  • Liguria
  • Piemonte
  • Lombardia
  • Calabria

Partnership

  • Dare Futuro
  • Susini Sandro

I nostri uffici

  • Via Pistoiese, 387/G - 50145 - Firenze (IT)
    P.I. 05891390485 - iscrizione REA n° FI 583790
  • (39) 055 4220806
  • fax (39) 055 4361126