Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
 

Job Consulting

centro elaborazione dati

La certezza e la qualità dei servizi complementari alla consulenza del lavoro per la gestione delle buste paga


Job Consulting soc. coop. è una società di servizi di gestione e amministrazione del personale che si rivolge a studi professionali o aziende di piccole, medie e grandi dimensioni di ogni settore produttivo che intendano esternalizzare l’attività di elaborazione paghe.

Contributo esonerativo assunzione disabili: le istruzioni del Ministero

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

Il Ministero del Lavoro, con nota n. 5113 del 27 luglio 2016, ha fornito le indicazioni operative riguardanti le modalità di versamento del contributo esonerativo in caso di autocertificazione dell’esonero contributivo per quanto concerne gli addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio ai fini INAIL pari o superiore al 60 per mille e per i quali sono tenuti a versare al Fondo per il diritto al lavoro dei disabili il suddetto contributo pari a 30,64 euro per ogni giorno lavorativo per ciascun lavoratore con disabilità non occupato. Il Ministero ha illustrato le modalità e le condizioni da rispettare per poter accedere al beneficio, precisando che il versamento va effettuato tramite bonifico bancario ordinario. (FONTE MINISTERIALE)

Cambio appalto: in vigore dal 23 luglio le norme della Legge europea 2015-2016

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

Entra in vigore il 23 luglio 2016 la Legge europea 2015-2016, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 158 dello scorso 8 luglio, che con l'articolo 30 va a sostituire il comma 3 dell'articolo 29 del decreto legislativo 276/2003, disponendo che "l’acquisizione del personale già impiegato nell’appalto a seguito di subentro di nuovo appaltatore dotato di propria struttura organizzativa e operativa, in forza di legge, di contratto collettivo nazionale di lavoro o di clausola del contratto d’appalto, ove siano presenti elementi di discontinuità che determinano una specifica identità di impresa, non costituisce trasferimento d’azienda o di parte d’azienda.". (FONTE COMUNITA' EUROPEA)

Invio telematico certificato di malattia: il lavoratore deve verificarne l’esito

Postato in Giurisprudenza.

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con sentenza 22 luglio 2016, n.15226, ha deciso che deve ritenersi legittimo il licenziamento disciplinare per assenza ingiustificata inflitta al dipendente dopo che il certificato medico attestante la sua malattia non risulti mai pervenuto all’Inps mediante invio telematico, mancando la prova che il sanitario abbia almeno tentato la spedizione, dovendo ritenersi che la previsione della trasmissione informatica del certificato di malattia direttamente dal medico del lavoratore all’Istituto previdenziale esonera unicamente il prestatore dall’obbligo di inviare la certificazione cartacea, ma non da quello, previsto contrattualmente, di avvisare dell’assenza e aggiungere che il prestatore è tenuto a verificare che la procedura informatica abbia avuto esito regolare. (FONTE CASSAZIONE)

Accordi premi di produttività: le istruzioni sul deposito dei contratti

Postato in Previdenza, assistenza, Assicurazione e Lavoro.

Con Nota  22 luglio 2016, il Ministero del lavoro ha fornito le indicazioni operative sul deposito contratti e la dichiarazione di conformità ex DM 25 marzo 2016, specificamente connesse alla compilazione del modello e all’attività di monitoraggio e verifica di competenza degli uffici centrali e territoriali del Ministero del lavoro e delle politiche sociali.

Infoday sul Programma europeo

Postato in Approfondimenti.

 

 

Sostegno all’imprenditorialità

 

Progetto IPEYE2

Il giorno 14 Luglio 2016, Dare Futuro Società Cooperativa, in collaborazione con l’università degli Studi di Firenze, ha svolto un Infoday per presentare il progetto IPEYE2 un’iniziativa nell’ambito del programma comunitario “Erasmus per giovani imprenditori” che vede attualmente coinvolti otto partners Europei provenienti da Irlanda, Spagna, Francia, Grecia, Turchia Repubblica Ceca e Italia.

 

 

L’Infoday si e svolto presso il Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali – DSPS  Università degli Studi di Firenze, l’introduzione è stata realizzata dal Professore Ferdinando Tupone che ha enfatizzato l’importanza del ruolo  che sarà rivestito dall’Innovazione Sociale (Social Innovation) per il Futuro delle aziende.

Il termine Social Innovation si riferisce alle nuove strategie, concetti, idee ed organizzazioni che fanno incontrare esigenze sociali di ogni tipologia, dalle condizioni lavorative alla formazione ed educazione, dallo sviluppo delle comunità al settore della salute; la social innovation aiuta ad estendere e rafforzare la società civile.

 

All’interno della definizione di Social innovation si ritrovano molteplici significati, strategie e metodologie che possono essere adottate per promuovere processi di innovazione.

In qualunque caso, la social innovation si focalizza e si basa su piattaforme che diffondendosi, facilitano la collaborazione per mettere a fattor comune diverse esperienze e conoscenze, la vera innovazione si realizza, infatti, solo quando i cambiamenti vengono ottenuti utilizzando approcci collaborativi ed aperti.

 

I modelli di innovazione avvengono attraverso le fasi che sono contenute sulle 4E:

1.       Explore: In questa fase conta molto la capacità di intercettare e portare all’interno della azienda proposte ed idee innovative. Bisogna aprirsi a diversi punti di vista, valutare nuove prospettive, bisogna collegare e contaminare idee apparentemente diverse.

2.       Evaluate: in questa fase avviene la forte differenziazione rispetto ai processi tradizionali top down. Di solito tanto più le idee sono dirompenti, tanto più facilmente vengono rigettate o ostacolate, a favore di idee più prudenti e più legate a schemi mentali e culturali esistenti. Adottando una “prospettiva di network” è opportuno che il momento di valutazione integri i ruoli decisionali tradizionali con community meno centrali, ma più integrate e flessibili.

3.       Engage: in questa fase è importante che gli esploratori che hanno proposto, fatto evolvere e sostenuto le idee possano portare la propria energia e proattività all’interno del processo di innovazione. La realizzazione delle proposte ed idee può ricevere una forte accelerazione nella direzione della Social Innovation se si crea un team di realizzatori (exploiters) che lavori in stretto contatto e collaborazione con un team di esploratori (explorers);

4.       Exploit: Qui gli exploiters devono lavorare pensando che stano realizzando una innovazione dalla quale tutti avranno un grande beneficio: si parla in questo caso di “logica pull”, in contrapposizione alla “logica push” secondo la quale si lavora verso l’innovazione, come su un mero obiettivo da portare avanti. La logica pull rovescia questo assunto, perché il beneficio percepito spinge gli utenti singoli e poi tutta l’organizzazione ad adottare queste proposte innovative, che si concretizzeranno in azioni e cambiamenti reali.

 

IPEYE2 finanzierà opportunità di mobilità internazionale e di scambio di know-how. L’iniziativa offrirà ai nuovi imprenditori (o aspiranti tali) l’opportunità di imparare i segreti del mestiere da professionisti già affermati che gestiscono piccole o medie imprese in un altro paese europeo. Dall’altro lato l’imprenditore ospitante avrà l’occasione di considerare la propria attività sotto nuovi punti di vista: collaborare con partners stranieri e informarsi circa nuovi mercati.

 

Che siate neo-imprenditori o professionisti navigati, il progetto IPEYE2 potrà apportare un importante valore aggiunto alla vostra attività: scambio di conoscenze ed esperienze, possibilità di estensione della rete di contatti a livello europeo, nuovi rapporti commerciali, accesso a mercati esteri finora sconosciuti, sono solo alcuni dei molteplici benefici.

 

L’opportunità che il Programma Erasmus per Giovani imprenditori potrebbe offrire alle aziende, da quelle affermate alle start up, rientra sicuramente all’interno dell’insieme di strategie di innovazione sociale che rappresentano il futuro delle stesse.

 

 

 

 

“Si tratta di un viaggio che diventa esperienza, e da esperienza diviene vita. Dall’Erasmus, in qualche modo non si torna mai”.

 

 

 

 

Per maggiori informazioni:

http://www.erasmus-entrepreneurs.eu/

http://www.studiojobconsulting.it/

 

 

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Infoday sul Programma europeo

 


Sostegno all’imprenditorialità

 

Progetto IPEYE2

 

 

 

14 Luglio 2016, ore 9.30 – 13.00
Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali - DSPS
Università degli Studi di Firenze
via delle Pandette n. 21 - 50127 FIRENZE

 

Aula D4/113

 

 

 

State pensando di avviare una vostra impresa o l’avete costituita da poco? O forse siete imprenditori di successo alla ricerca di nuovi mercati e idee innovative? Il progetto IPEYE2 può aiutarvi!

 

 

 

Dare Futuro Società Cooperativa in collaborazione con l’università degli Studi di Firenze organizza un Infoday per presentare il progetto IPEYE2 un’iniziativa nell’ambito del programma comunitario “Erasmus per giovani imprenditori” che vede coinvolti otto partners Europei provenienti da Irlanda, Spagna, Francia, Grecia, Turchia Repubblica Ceca e Italia.

 

 

 

L’appuntamento è alle ore 9.30 presso Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali – DSPS  Università degli Studi di Firenze.

 

 

 

IPEYE2 finanzia opportunità di mobilità internazionale e di scambio di know-how. L’iniziativa offre ai nuovi imprenditori (o aspiranti tali) l’opportunità di imparare i segreti del mestiere da professionisti già affermati che gestiscono piccole o medie imprese in un altro paese europeo.

 

 

 

L’imprenditore ospitante ha l’occasione di considerare la propria attività sotto nuovi punti di vista: collaborare con partners stranieri e informarsi circa nuovi mercati.

 

 

 

Che siate neo-imprenditori o professionisti navigati, il progetto IPEYE2 può apportare un importante valore aggiunto alla vostra attività: scambio di conoscenze ed esperienze, possibilità di estensione della rete di contatti a livello europeo, nuovi rapporti commerciali, accesso a mercati esteri finora sconosciuti, sono solo alcuni dei molteplici benefici.

 

 

 

PROGRAMMA

 

 

 

 

 

·         Registrazione partecipanti

 

·         Introduzione:

 

Dott.re Ferdinando Tupone, Rag Sandro Susini

 

·         Presentazione del progetto IPEYE2 e delle opportunità offerte dal programma “Erasmus per Giovani Imprenditori”

 

Dott.sa Valentina Zinelli

 

·         Storie di successo

 

              Dott.re Federico Bartalini

 

·         Domande e risposte

 

·         Chiusura dei lavori

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La partecipazione è gratuita

 

 

 

 

 

Per maggiori informazioni:

 

http://www.erasmus-entrepreneurs.eu/

 

http://www.studiojobconsulting.it/

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

 

Dove Operiamo

  • Toscana
  • Lazio
  • Emilia Romagna
  • Veneto
  • Liguria
  • Piemonte
  • Lombardia
  • Calabria

Partnership

  • Dare Futuro
  • Susini Sandro

I nostri uffici

  • Via Pistoiese, 387/G - 50145 - Firenze (IT)
    P.I. 05891390485 - iscrizione REA n° FI 583790
  • (39) 055 4220806
  • fax (39) 055 4361126